Il Kadayif: il dolce tradizionale della Turchia

foto-KadayifDopo una lunga e noiosa giornata passata in casa, ecco finalmente giungere la telefonata della propria cara amica con un invito per cena: perfetto, era proprio quello che ci voleva ma accidenti … cosa portare come dolce dono? Effettivamente presentarsi con le mani vuote non è proprio da ospite perfetto ma accidenti, se non si nulla in casa, nè una bottiglia di vino e nè tanto meno un dolce, cosa portare?

Semplice, non resta che preparare il Kadayif, il dolce tradizionale della Turchia!

Il Kadayif è infatti un dolce molto particolare, perfetto per tutte le occasioni importanti vista la sua dolcezza ed ottima presenza, che per via del suo impasto, ricorda molto la forma degli spaghettini in matasse. Ma vediamo quindi come preparare il Kadayif, questo originalissimo dolce che risale addirittura agli Ottomanni, a partire dai seguenti ingredienti, necessari per la sua preparazione:

  • 1 pacco di pasta per Kadayif;
  • 180 grammi di margarina;
  • 200 grammi di mandorle spellate e tritate e nocciole;
  • 800 dl di acqua;
  • 800 grammi di zucchero semolato;
  • qualche goccia di limone (facoltativa).

Quanto quindi alla preparazione, ecco come procedere passo-passo:

  • anzitutto rivestire con la carta forno una teglia da forno dal diametro di cm 30;
  • quindi districare le matasse di spaghetti aprendole delicatamente in un contenitore;
  • sciogliere ora in un pentolino la margarina e versarla uniformemente sui fili di pasta, amalgamando per bene con le mani;
  • mettere quindi metà degli spaghetti nella teglia da forno e cospargerli quindi con metà delle mandorle tritate; quindi coprire con i rimanenti spaghetti e con l’altra metà delle mandorle e nocciole;
  • cuocere il tutto in forno ben caldo a 200° gradi per 25 minuti circa, fino a quando la superficie assumerà un bel colore ambrato;
  • preparare ora lo sciroppo versando in un pentolino l’acqua e lo zucchero, quindi a piacere qualche goccia di limone e portate a cottura fino ad avere uno sciroppo denso e cremoso col quale innaffiare tutta la superficie del dolce appena sfornato;
  • non resta che ricoprire il dolce ancora nello stampo con un foglio d’alluminio e lasciarlo riposare per circa un’ora prima di consumarlo: dolce serata!

 

Melacotta

Leggi Anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *