La ricetta dei regali cioccolatosi


cioccolatini

Anche senza una specifica ricorrenza, fa sempre piacere ricevere un cioccolatino. Il cioccolato è un alimento costituito da un impasto di cacao (con o senza il suo burro) e di zucchero.

La storia del cioccolato in Europa comincia nel 1528, quando Cortès, conquistatore del Messico, portò in Spagna i semi di cacao di cui gli Aztechi si nutrivano. Gli Spagnoli crearono un miscuglio di cacao torrefatto e zucchero e lo chiamarono cacao. La fabbricazione del cacao avviene attraverso le fasi seguenti: i semi di cacao vengono puliti, torrefatti, sbucciati e ridotti in pasta; questa viene poi mescolata a caldo con lo zucchero in apposite macchine. L’impasto passa poi alla raffinatrice a cinque cilindri, donde viene portato alle stufe, ammorbidito in un mescolatore e quindi modellato negli stampi.

Per il tipo di cioccolato corrente la lavorazione è ultimata. Per i tipi più fini invece continua con il passaggio della raffinatrice alle conche, ove, riscaldata a circa 80° C, la miscela è agitata continuamente per circa 48 ore (cioccolato fondente) e ad essa si aggiunge una sostanza aromatica (vaniglia, cannella). Unendo latte (condensato o in polvere) alla miscela, si ottiene il cacao al latte; con nocciole torrefatte e burro di cacao si ottiene il cioccolato alla nocciola; se le nocciole vengono preventivamente ridotte in pasta si ha il gianduiotto.

La pasta di cacao di qualsiasi qualità, tolta dalle stufe e dalle conche, passa alla macchina temperatrice, quindi alla modellatrice e alla battitrice, che imprime agli stampi un movimento sussultorio regolare perchè il cacao liquido si distenda uniformemente. Per la smodellatura è necessario che la pasta sia raffreddata. L’incarto delle tavolette e dei cioccolatini viene eseguito generalmente con macchine incartatrici.

Il cacao per il suo contenuto in grassi, zuccheri, proteine e amido, deve considerasi non tanto alimento di lusso quanto un alimento ordinario; il potere nutritivo del cacao è superiore a quello del pane e della carne con il vantaggio di una più rapida digestione a causa del minimo volume. Il cacao può essere sofisticato con fecola di patate o farina di castagne oppure sostituendo al burro di cacao del grasso di cocco o dell’olio di arachidi. I maggiori produttori di cacao sono gli U.S.A., l’Inghilterra, la Germania, la Svizzera e l’Italia. La produzione italiana è in grado di gareggiare con quella straniera ed ha i suoi centri maggiori a Torino, Milano e Perugia.

Se volete un’idea in più:

Sorbetto di cioccolato con salsa alla menta:

Ingredienti per 6 persone: 300 g di zucchero, 150 g di cacao amaro in polvere, 80 ml di sciroppo d’acero, 100 ml di panna.

Per la salsa alla menta: 1 mazzetto di menta fresca, 500 ml di latte, 5 tuorli, 200 g di zucchero.

Versate 1 litro di acqua in una casseruola, aggiungete lo zucchero e portate a ebollizione. Lasciate cuocere lo sciroppo a fuoco lento per 3 minuti, poi unite il cacao in polvere e mescolate con cura per eliminare gli eventuali grumi. Aggiungete a filo lo sciroppo d’acero, mescolare bene e lasciate raffreddare il composto. Quando il composto si è raffreddato, incorporate la panna e amalgamate con cura. Trasferite il composto nella sorbetteria e fatelo indurire bene, dopodichè trasferitelo nel congelatore. Lavate e asciugate con cura le foglioline di menta, quindi tritatele finemente. Fate bollire il latte in un pentolino, aggiungete la menta tritata e continuate a cuocere, in modo che il latte ne assorba l’aroma. Sbattete i tuorli con lo zucchero. Aggiungete il latte mescolando con la frusta, poi lasciate raffreddare la salsa.

Distribuite le palline di sorbetto al cioccolato nelle coppette e servitele in tavola con la salsa alla menta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.