Un bacio sotto al vischio

capodannoCapodanno si avvicina e molti di voi decideranno di trascorrerlo con la persona del cuore. Tra tutte le scaramanzie legate al capodanno ce n’è una che riguarda i sentimenti: viene considerato di buon auspicio scambiarsi un bacio sotto a un rametto di vischio allo scoccare della mezzanotte. A prescindere da dove trascorrerete la notte del 31 non sempre detto che sul luogo ci sia il vischio, quindi perché non regalarlo alla persona del cuore? Farete un’ottima figura: dimostrerete, così, alla vostra amata (o amato) che tenete al suo amore e che non volete rischiare di perderlo neanche per colpa della scaramanzia. Mica male no? Considerando poi che il vischio costa pochi euro e che è reperibile presso qualsiasi fioraio, perché rischiare?

Il nome scientifico del vischio è “viscum album” ed è una pianta cespugliosa, sempreverde e parassita degli alberi di latifoglie (in genere cresce su tronchi). Il vischio produce dei fiori gialli e delle bacche sferiche bianche o giallastre che sono molto tossiche per l’uomo, anche se con le sue foglie vengono preparati degli infusi venduti nelle erboristerie.

Al vischio sono legate molte leggende: gli antichi Celti lo consideravano, assieme alla quercia, una pianta sacra, mentre secondo alcuni miti nordici, terrebbe lontane disgrazie e malattie. Inoltre, ancora in molti paesi continua ad essere considerato simbolo di buon augurio, soprattutto durante il periodo natalizio, tanto che viene spesso usato per ornare composizioni floreali o per addobbare le porte delle abitazioni.

Daniela C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *