Idea regalo fai da te: uova di cartapesta con colla fatta in casa

uova di pasqua

E’ Pasqua! se ancora non avete pensato ai regali da fare, e state pensando di comprare all’ultimo momento un qualsiasi uovo di cioccolato, giusto per non presentarvi a mani vuote, vi suggeriamo un oggetto che vi farà fare sicuramente una bella figura perché fatto con le vostre mani. A questo dovete aggiungere il fatto che l’idea che vi suggeriamo vi farà risparmiare un bel po’di soldi perché utilizzerete solo materiali di riciclo che avete sicuramente in casa, come giornali e un po’ di pongo. L’idea è quella di realizzare delle uova di cartapesta con la colla fatta in casa.

I materiali che vi serviranno in questa “impresa” sono: strisce di carta di giornale larghe circa un centimetro, un po’ di pasta per modellare tipo pongo, colla che vi farete da soli e un po’ di olio di vaselina.

Per la colla mettete in una pentola mezzo litro d’acqua e aggiungete un bicchiere piccolo pieno di farina e altrettanto di sale fine. Mescolate bene, se volete servitevi di un frullatore perché gli ingredienti devono amalgamarsi bene.

Mettete la pentola sul fuoco medio e poi abbassate la fiamma continuando a mescolare; dopo pochi minuti il composto diventerà colla liscia e pronta da usare. È importante da ricordare che se vi avanzerà della colla la dovrete conservare in un contenitore di plastica chiuso al fresco.

A questo punto procedete alla creazione. Costruite delle uova usando il pongo prendendo la misura delle uova vere, spennellatele la vaselina e ricopritele con le strisce di carta, avendo cura di tenerle ferme; formate, poi, il secondo strato sempre con la carta e la colla, e con questo sistema create più strati per far diventare resistente il vostro uovo.

Quando avrete finito lasciate asciugare il tutto al sole o sul termosifone per un giorno intero. Il giorno dopo, con un taglierino, incidente l’uovo nel senso della lunghezza e tagliatelo in due per togliere la creta. Per richiudere l’uovo basterà creare un altro strato di colla e giornali e lasciarlo asciugare, e poi, finalmente, sarà pronto per la decorazione.

Daniela C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.