Un morbidissimo doudou

Un morbidissimo doudouPer tutte le mamme in dolce attesa che stanno preparando il corredino per il piccolo che sta arrivando, ecco un oggetto assolutamente da confezionare: un dolcissimo doudou.

Un oggetto che anche una futura zia, una futura madrina o una futura nonna, possono confezionare … così come un’amica della futura neomamma, al pari delle babbucce che si confezionavano una volta ….

Il doudou è infatti un oggetto caldo e morbido di transizione cui il bambino si aggrappa specie nei primi mesi di vita, allorquando la mamma non è momentaneamente disponibile: un oggetto quindi davvero importante da regalare, che indubbiamente sarà apprezzato.

Un oggetto amorevolmente realizzato per colui o colei che arriverà, un piccolo angioletto blu o rosa, che giungerà in un mondo grande e sconosciuto, ove un piccolo doudou, sarà il primo amichetto, cui aggrapparsi dopo mamma e papà, per non sentirsi solo!

Ma ecco il necessario per realizzare il doudou:

  • capoc per imbottire;
  • tessuto di velluto;
  • filo in tinta con il tessuto scelto;
  • ago;
  • matita;
  • cartone.

 

Quanto alla realizzazione del doudou:

  • procurarsi anzitutto un pezzo di tessuto di velluto, di un colore a discrezione ed in funzione delle dimensioni del doudou che si intende fare;
  • realizzare la sagoma del doudou su di un cartone spesso, con tanto di zampe e testa;
  • posizionare la sagoma di cartone sul tessuto piegato doppio e tracciarvi i contorni;
  • ritagliare in doppio i contorni, ricavando 2 sagome;
  • posizionare poi i pezzi dritto contro dritto, per il corpo e per le zampette e cucire i contorni, lasciando una piccola fessura in ogni lato, per inserire il capoc;
  • ribaltare quindi il doudou ed imbottirlo, dopo di che chiudere le fessure;
  • disegnare quindi sulla testolina con una matita gli occhi, il naso e la bocca, quindi ripassarli con il filo in tinta;
  • il doudou è pronto per essere lavato e posto in una bella scatola regalo con tanto di nastro rosa … o azzurro!

Unica pecca di questo regalo … è da sperare che dopo tutto il lavoro fatto, non sia già stato regalato!

 

Melacotta

 

Leggi Anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *