Un libro che insegna ad inviare e-mail a prova di risposta

Perché spesso capita di scrivere e-mail e di non ricevere alcuna risposta? O perché a volte gli amici fraintendono il contenuto di messaggi scritti con ironia fino ad arrivare ad offendersi? Semplice: le mail inviate erano scritte in modo scorretto e senza bon ton!

Sicuramente ognuno di noi si è trovato in questa situazione, ma se conoscerete qualcuno che è veramente un caso disperato, regalategli il libro “E-mail etiquette, le sette regole per l’uso efficace dell’e-mail” di Emanuele Invernizzi e Alessandro Lucchini (Franco Angeli editore, €. 12,00).

Tutti le usano, ma pochi sanno scriverle in modo corretto, e finalmente è arrivato un vademecum per la posta via web; è vero, la rapidità è la ragione per cui è nata la comunicazione via posta elettronica, ma questo non significa che sia lecito scrivere e-mail con distrazione, pena l’inefficacia del loro messaggio. Quindi prima di clikkare sul tasto “invia” è bene osservare le sette regole proposte da questo libro: provare per credere!

Volete qualche assaggio? Ecco la prima regola: valutate se è opportuno comunicare via e-mail. Infatti, questo mezzo di comunicazione non è adatto per tutti quei messaggi in cui non si possono mostrare espressioni e gesti; le faccine grafiche (in gergo “emoticons”) non bastano per chiarire malintesi, fare una critica, scusarsi o confidarsi. Chi l’ha detto, infatti, che l’e-mail sia il metodo migliore per esprimere i propri pensieri? A volte per le comunicazioni più importanti la classica telefonata, la romantica lettera manoscritta o l’appuntamento, non hanno eguali.

Daniela C

Leggi Anche..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *