Stupisci il (o la) partner con una cena a base di cibi afrodisiaci

cibi afrodisiaci

Chi l’ha detto che per fare felici il vostro, o la vostra, partner sia necessario spendere un capitale? Il più delle volte per fare bella figura basta organizzare una cenetta romantica; gli ingredienti? Luci soffuse, qualche candela profumata, dei fiori freschi sul tavolo, della musica in sottofondo e un buon menù a base di cibi afrodisiaci!

Nell’ordine di importanza vanno citate le ostriche, i lampascioni, delle cipolle selvatiche pugliesi, la rucola, i crostacei, le banane, le rane, il parmigiano, le uova, le fave, la polenta e il peperoncino. Siamo d’accordo: alcuni di questi alimenti come le fave e la polenta non hanno apparentemente niente di afrodisiaco, eppure pare proprio che facciano effetto!

Al contrario sembrano essere anafrodisiaci la lattuga, il cetriolo, le bevande alcoliche e il caffè, quindi sì ad un paio di bicchieri di vino, ma lasciate perdere il caffè: magari sostituitelo con un dolce al cioccolato.

Secondo una ricerca le sostanze afrodisiache più vendute sono la radice di Ginseng, usata da millenni dagli anziani cinesi con ottimi risultati; meno conosciuta, ma altrettanto efficace è la corteccia di Yohimbine, utilizzata agli africani per stimolare l’erezione: i principi attivi di questa pianta incrementano la pressione sanguigna e agiscono sul cervello stimolando il senso di benessere. In Europa è possibile acquistarla solo con ricetta medica. Infine ci sono le erbe per problemi lievi, in quanto sono meno efficaci, come il Ginko Biloba, che stimola la memoria e l’attività sessuale, ed è indicato per le donne che soffrono di calo del desiderio e la L-Arginina, un aminoacido che si trova in molti cibi, come latte, germe di grano, farina, cioccolato, noccioline e noci, semi di zucca e mandorle, che stimola la produzione dell’ossido nitrico, proprio come il Viagra.

Daniela C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.