Cucina esotica per stupire: i fried noodles alla Thailandese

cucina esoticaIn questo periodo il trend culinario per eccellenza è la cucina esotica; guardando, però, questi appetitosi piatti cinesi, giapponesi o thailandesi, una domanda sorge spontanea: quanto è difficile realizzarli? In realtà non moltissimo, anche perché quasi tutti i piatti sono cucinati con cotture al vapore o in padella, e poi, non è più difficile neanche trovare gli ingredienti, perché sono facilmente reperibili nei reparti dedicati alla cucina esotica degli ipermercati, o nei negozi di cucina etnica della maggiori città italiane.

Oggi vi spiegheremo come realizzare i fried noodles, uno dei piatti principali della cucina thailandese; la gastronomia Thai è molto leggera, poco calorica e poco costosa. Ingrediente principe di questa ricetta sono i noodles, degli speciali spaghetti di riso che in Thailandia si trovano freschi in ogni mercato, ma che in Italia sono reperibili solo nel tipo secco, e che, quindi, vanno messi a bagno in acqua fredda per un’ora in modo da ammorbidirli.

Fried noodles alla Thai

Ingredienti per due persone: 200 g. di noodles, 200 g. di broccoli cinesi o, se non li trovate, di cavolo nero toscano, 2 uova, 6 gamberi, brodo di pollo anche con il dado, zucchero, sale, un cucchiaio di salsa di soia, olio insaporito con un spicchio d’aglio tritato.

Preparazione: mettete in un casseruola il brodo di pollo e portatelo a bollore, lavate i broccoli (o il cavolo nero toscano) ed usate solo le foglie, eliminando le coste, facendole bollire per 3 minuti nel brodo. Sgusciate i gamberi togliendo anche il filo nero sulla schiena e fateli bollire per un minuto nello stesso brodo. Nel tegame wok (o anche in una normale padella) mettete due cucchiai d’olio, le due uova, i gamberi ed i noodles; cuocete per un paio di minuti senza smettere mai di mescolare.

Aggiungete le foglie del cavolo tagliate grossolanamente, un cucchiaino di zucchero, sale, due cucchiaio di soia, spolverate con il pepe e aggiungete un cucchiaio di olio insaporito con l’aglio, e servite il piatto ancora caldo.

Buon appetito!

Daniela C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.