Le Origini Del Natale

dal paganesimo alla cristianità

 


LE ORIGINI PAGANE

Per inspiegabile che sembri, la data di nascita di Cristo non è nota. I vangeli non
ne indicano nè il giorno nè l’anno […] fu assegnata la data del solstizio d’inverno
perchè in quel giorno in cui il sole comincia il suo ritorno nei cieli boreali, i
pagani che adoravano Mitra celebravano il Dies Natalis Solis Invicti (giorno della
nascita del Sole invincibile).
Nuova enciclopedia cattolica dell’Ordine Francescano (1941)

La data del 25 dicembre è nota nelle tradizioni dei popoli antichi molto
prima dell’avvento del cristianesimo. La vita dei popoli primitivi era legata al
ritmo delle stagioni, che scandiva le attività da compiere durante l’anno
ma anche i possibili pericoli e le sciagure da scongiurare. Per questo spesso gli
dei erano legati a forze della natura, prima fra tutte il sole, che d’inverno
è meno generoso: perciò originariamente i festeggiamenti invernali
erano rituali pagani verso le forze della natura. Spesso questi rituali erano anche
legati al concetto di riproduzione e fertilità e non di rado comprendevano
cerimoniali di accoppiamento.

Il rituale dedicato al sole proprio il 25 dicembre trova anche spiegazione nel fatto che è proprio nei giorni antecedenti (22-24 dicembre) che avviene il solstizio d’inverno, cioè il periodo con la notte più lunga e la fase diurna più breve.

Ricordiamo anche che il 25 dicembre non rappresenta solo la nascita di Gesù
Cristo, ma è una data rilevante per altre divinità:

– Il dio Horus degli egizi (legato al sole)
– il dio Mitra indo-persiano (che ebbe immacolata concezione e 12 apostoli)
– Gli dei Tammuz e Shamas dei babilonesi (Shamas era considerato il dio Sole)
– Dioniso (i cui festeggiamenti spesso comprendevano rituali di accoppiamento)
– Bacab (dio Sole nello Yucatan)
– Wiracocha (dio Sole degli Inca)

Leggi anche:

Le radici pagane del Natale

Wikipedia: Natale